Levante e STAG portano incanto e caos all’Ex Dogana

Levante live @Vite Culture Festival - ©Benedetta Morbelli

Magia, incanto, caos.

 

 

Non ci sono altre parole per descrivere la serata organizzata lo scorso 9 Settembre dal Vite Culture Festival all'Ex Dogana di Roma. O forse sì, ce ne sarebbero moltissime, ma non basterebbero comunque a descrivere l'emozione di chi ha assistito al concerto.

 

 

Live on stage Levante, preceduta dagli STAG, ed anche solo i loro nomi sono ormai garanzia di pelle d'oca.

 

 

Marco Guazzone e la sua band (composta da Stefano Costantini seconda voce e chitarra acustica, Giosuè Manuri alla batteria ed Edoardo Cicchinelli al basso) hanno incantato il pubblico portando sul palco le loro sonorità British e le loro canzoni italiane dai testi poetici.

 

 

La band romana, che ha debuttato nel 2012 con l'album L'Atlante Dei Pensieri ed ha recentemente presentato il nuovo lavoro: Verso le meraviglie, declina l'indie rock contaminandolo con il pop melodico ed impreziosendolo di quella vena romantica che colpisce dritto al cuore.

 

 

Guasto, Vienimi a cercare, Slay Tilling (brano presente nella colonna sonora della fiction Rai Tutto può succedere), Atlas of thoughts...brano dopo brano gli STAG ci hanno trasportato nel loro magico mondo. Attenti Kasabian, Franz Ferdinand, Kodaline, qui c'è un gruppo che si prepara a farvi concorrenza!

 

 

 

 

Al termine della performance degli STAG solo qualche attimo di attesa ed eccola arrivare, come un turbine di energia e caos: Levante.

 

 

La cantante, che si prepara al debutto come giudice di X Factor, ci è sembrata in splendida forma. Con la sua voce sensuale ci ha condotto ancora una volta nelle sue Stanze, più stupefacenti che mai.

 

 

In un'alternanza di brani grintosi ed allegri, pacati e romantici, il concerto di Levante è stato un giro sulle montagne russe delle emozioni culminato con l'esecuzione di Abbi Cura di Te, durante la quale spente le luci e tolti gli artifici la cantante - anzi Claudia - ha cantato a cappella con il pubblico in un unicum di anime e cuori.

 

 

Ad accompagnarla un gruppo di bravissimi musicisti, che hanno saputo seguirla magistralmente tra sussurri ed esplosioni vocali, offrendo sonorità indie pop ovattate e psichedeliche.

 

 

 

 

Ph credit: ©Benedetta Morbelli e Simarght Ph

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail