premio persefone

Premio Persefone: teatro, passione e vita

Il Premio Persefone è un premio che sa di umanità. Nel teatro non c'è finzione, è tutto reale, vero, non esiste un altro ciak.

 

 

premio persefone

 

 

Il teatro è come la vita reale e di premi e manifestazioni per questa arte dovrebbero essercene di più. I personaggi che fanno televisione a teatro si trasformano, i politici che temiamo o sentiamo lontani a teatro diventano vicini, perchè sembrano come noi, e la sensazione che trasmette questo premio è che il teatro dovrebbe essere di tutti.

 

 

Il teatro ormai non si gonfia più dei fasti del passato, si è compattato fra giovani, glorie e saggi, perchè bisogna ricreare e risviluppare questa arte. Il teatro siamo noi e solo così esso non morirà mai. Invece di piangere brindiamo a questo nuovo vecchio moto teatrale, anche con quelli che forse lo volevano depotenziare.

 

 

Questa edizione del Premio Persefone ha visto protagonisti Paolo Ruffini e Michela Andreozzi, che gli hanno conferito un tocco di nonsense, trasformando la premiazione in un avanspettacolo evoluto con una bravura nei tempi comici rara oggi.

 

 

Sempre dentro le righe, Ruffini si è messo in luce in una veste più seria e posata. Il contorno è stato equilibrato e non si è dato troppo peso alle grandi presenze del parterre, come Carlo Verdone - sempre surreale con i suoi aneddoti - o Maurizio Costanzo - che in una fugace apparizione ha tenuto il palco in modo simpatico ed impeccabile. Una nota anche per i politici presenti sul palco durante il premio, che si sono svestiti per una volta dai panni istituzionali canonici esibendosi anche in qualche siparietto con il conduttore.

 

 

Talentuosissimi i premiati, tra cui:

 

 

  • - Alex Mastromarino, che ha portato in Italia il musical all'americana, con un tocco di swing, il passo felpato, la simpatia negli occhi e la grande bravura

 

  • - Stefano Fresi, il nuovo che avanza dal cinema al teatro. La professionalità fatta persona, senza tirarsela troppo, con quell'autoironia di chi non si sente arrivato, anche se Stefano lo è.

 

  • - Emy Bergamo, una bellezza italiana velata, piena di grinta, la donna che non deve chiedere mai. Sul palco ammicca e provoca grazie alla sua poliedrica bravura nel reinterpretare i musical, dandogli un tocco in più.

 

  • - Karima, premiata meritatamente dalla giuria per il musical The Body Guard. Con la sua meravigliosa voce così sofferta e penetrante, questa giovane cantante ci ha avvicinato alla sofferenza di Whitney Houston. Brava, brava, brava.

 

 

Il premio ha dato spazio anche ai diversamente abili ed ha premiato L'Accademia Arte nel cuore, un'organizzazione teatrale che fa recitare i ragazzi disabili e dimostra che stimolandoli e dandogli gli strumenti hanno piena possibilità di esprimere il loro talento. Il teatro è amore, passione e dunque vita. 

 

 

Speriamo che anche quella 2018/19 sia una stagione meravigliosa, piena di rivisitazioni, tradizioni ed innovazioni e che ci sia sempre più spazio per questa magnifica arte che può coinvolgere ed emozionare tutti noi.

 

 

Premio Persefone, dedicato a Carmelo Rocca

 

 

Direttore artistico: Francesco Bellomo

Presidente di Giuria: Maurizio Costanzo

Presentato da Paolo Ruffini, Micaela Andreozzi e Alessandra Ferrara

 

 


 

 

PREMIO SEZIONE CINEMA : CARLO VERDONE - premiato da Maurizio Costanzo

 

 

PREMIO SPECIALE PROMOZIONE TEATRALE: GIANNI LETTA - premiato dal Ministro Lorenzin

 

 

PREMIO MIGLIOR ATTRICE DI PROSA: CAROLINA ROSI per "NON TI PAGO" - premiata da Giulio Base

 

 

PREMIO MIGLIOR ATTORE DI PROSA: STEFANO FRESI per "SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE" - premiato da Gianpaolo Savorelli

 

 

PREMIO MIGLIOR ATTORE MUSICAL: ALEX MASTROMARINO per "JERSEY BOYS" - premiato da Violante Placido

 

 

PREMIO MIGLIOR ATTRICE MUSICAL: EMY BERGAMO per "E SE IL TEMPO FOSSE UN GAMBERO" - premiata da Gabriele Cirilli

 

 

PREMIO MIGLIOR SPETTACOLO DI PROSA: FILUMENA MARTURANO

 

 

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA: KARIMA per "THE BODYGUARD"

 

 

PREMIO ALLA CARRIERA: TATO ROSSO - premiato da Simone Baldelli

 

 

PREMIO LABORATORIO GIOVANI: MASSIMILIANO BRUNO - premiato da Paola Gassman

 

 

PREMIO SPECIALE ESERCIZIO TEATRALE: ALESSANDRO ARNONE - TEATRO MANZONI (MILANO)

 

 

PREMIO SPECIALE CARMELO ROCCA: ACCADEMIA ARTE NEL CUORE

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail