Michael Landau @ CrossRoads: un appuntamento da non perdere

Il 17 Marzo scorso al CrossRoads Live Club di Roma si è esibito incredibilmente, con tutto il suo charme musicale, Mr. Michael Landau.

 

 

Ph: Pinterest - Cover Fuzz

 

 

Al CrossRoads sembra di stare in un locale americano: caldo, avvolgente, pieno di gente, con un'acustica pungente e l'artista che non ti aspetti - per quanto sia di nicchia, Michael Landau è un'istituzione della chitarra. Elegante e magistrale per il modo in cui suona, la tranquillità e lo stile fatto persona; come striglia lui quelle corde, quasi accarezzandole, come in un massaggio sensuale che spinge il suono e le poche distorsioni verso l'eccitazione massima, un fremito come quello del risalire del fiume. Le stagioni scorrono senza pietà, ma Michael Landau sta sempre lì, elegante, composto, pronto a stupirci senza fare casino. Un'esibizione da club la sua - come i buoni e semplici musicisti americani sanno fare - e quale scelta migliore del CrossRoads.

 

 

Michael Landau porta in tour il suo ultimo album Rock Bottom, un rock soffuso, abbottonato, perfettamente nel suo stile. Ad accompagnarlo una band esplosiva e molto country rock, sopratutto nella voce di Mr.David Frazee; un blues man come Teddy Landau; un ritmo pungente grazie al fenomenale batterista, dai ritmi così timbrati, caldi e precisi da farti rimanere secco, Mr. Alan Hertz.

 

Michael Landau quando suona e si estranea con i suoi riff, fa sì che la sua emozione entri nella chitarra, uscendo dalla cassa, e fa viaggiare così anche noi, insieme a lui, creando un bellissimo tutt'uno.

 

Quando senti Landau pensi, balli, bevi. Sembra di stare nel polveroso Texas: dopo quest'ultimo riff penso a quella bionda al bancone, sempre grazie a Landau.

 

Rock Bottom è un album che raccoglie le tre massime musicali americane: il rock ,il country e il blues, che si fondono insieme creando una dimensione musicale così compatta e dritta da non farti dimenticare di questo album, che è come un'enciclopedia della chitarra moderna.

 

Michael ha suonato con i più grandi come turnista, ma da solista è come una camomilla energetica, che ti calma ma al contempo scatena il chitarrista immaginario nascosto dentro te.

 

 

 

 

 

 

Se avete voglia di sentire Michael Landau e vedere un live che non vi deluderà, per la bravura degli interpreti, suonerà nuovamente al CrossRoads il 13 Aprile con la Steve Gadd Band. Appuntamento da non perdere per nessuno motivo!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail