Lethal Weapon – la serie, un remake positivo

Di solito i remake, i sequel o gli spin-off - tranne qualche eccezione - sono la rovina di un cult televisivo o cinematografico.

 

 

Gli attori scelti spesso non sono adatti, come per esempio Colin Farrell in "Miami Vice", che poco c'entra con Don Johnson - e la regia era addirittura la stessa del telefilm di Michael Mann, ma non fu un successo. Il remake di Super Car e MacGyver, degli azzardi cosmici e fallimenti totali se paragonati agli originali. Per non parlare del flop dei film di Baywatch ed A- Team (anche con discreti cast a loro disposizione tra l'altro).

 

 

 

 

Finalmente un remake di moda anche in America, con attori non di primo piano, ma amatissimi dal pubblico televisivo. Il nuovo Arma Letale giunge ora alla seconda serie anche in Italia, dopo l'eclatante ed inaspettato successo negli States. Conferma intera del cast: il simpaticissimo Damon Wayans, che ricordiamo tutti per la serie Tutto in Famiglia, e la sorpresa della serie Clayne Crawford, alle prese con la sostituzione quasi impossibile di Martin Reegs - l'ex berretto verde depresso, alcolista, e con il grilletto facile, interpretato nella serie dei film in una maniera irripetibile da Mel Gibson.

 

 

Clayne ha la stessa faccia da schiaffi e fascino di Mel; un Reegs 2.0, ma con gli stessi vizi, camminata e atteggiamento pronto a tutto, anche alla morte. Lui fa scorrere il tutto con simpatia irriverenza e action-drama. Il compagno di sempre Roger Murtaugh (interpretato da Wayans), che riesce a mantenere il personaggio grazie ai suoi precedenti televisivi ed a riportare in maniera impeccabile, anzi a continuare, i simpatici siparietti e le avventure della famiglia Murtaugh. I due insieme sono una bomba ad orologeria , pronti a fare impazzire il pubblico con scene d'azione, che non sono una brutta copia dell'originale anzi sono mozzafiato e ben fatte.

 

 

Una bella notizia per le regazze ed i ragazzi nostalgici è la presenza di Hilarie Burton, la Peyton di One tree hill, nei panni della detective Karen Palmer.

 

 

Nella seconda stagione Martin Reegs è alle prese con il suo mondo parallelo di ricordi, che l'ossessione per l'omicidio della moglie (tema ricorrente anche nel film) gli procura e che lo spinge verso l'alcool, ma dal quale riesce ad uscire perchè comincia a fidarsi della gente attorno a lui ed a credere nelle seconde occasioni. Non bisogna essere sempre spietati e pazzi, basta essere pronti.

 

 

La serie è sbarcata il Italia in anteprima Mediaset per la seconda stagione su Italia 1 venerdì 4 maggio 2018.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail