Irriverenza e ironia: l’effetto Willie Peyote sulla gente

Il rap raccontato da Guglielmo Bruno

 

 

E' uscito da poco ed è attualmente in rotazione il video del singolo L’effetto sbagliato”, il nuovo brano inedito di Willie Peyote. Il rapper torinese è attualmente impegnato con il “Sindrome di Tôret Tour” - con date in continuo aggiornamento - ed ha partecipato ad importanti festival e rassegne, tra cui il concerto del 1° Maggio, il Miami Festival, Musicultura e molte altre. Tra le date, è previsto anche un importante appuntamento internazionale: Willie Peyote è infatti nella line up dello Sziget Festival in Ungheria.

 

 

 

 

L'intensità ed il coinvolgimento, trascinati dalla vena ironica e tagliente dell’artista, contraddistinguono i suoi live. Nella prima parte del tour Willie Peyote è riuscito a riunire un pubblico eterogeneo e trasversale per età e stile, questo perché il suo genere va oltre il canonico rap ed i messaggi dei suoi testi sono concreti e condivisibili.

 

 

Nei suoi concerti la componente musicale viene valorizzata dalla Sabauda orchestra precaria formata da Dario Panza alla batteria, Luca Romeo al basso, Danny Bronzini alla chitarra e Frank Sativa (produttore dell’intero disco insieme a Kavah) alle tastiere e samples.

 

 

Guglielmo Bruno - questo il vero nome di Willie - è torinese, classe 1985. Si è affermato nel corso degli ultimi anni come astro nascente del panorama musicale nazionale ed oltre.

 

 

Una penna sottile si mischia a scelte musicale versatili e raffinate, che ne fanno un artista capace di abbracciare un pubblico vasto e variegato, trascendendo i limiti del genere a cui appartiene.

 

 

Irriverente, ironico e mai convenzionale, Wille si allontana dallo stereotipo del rapper conquistando anche i più diffidenti; lo ha ampiamente dimostrato vincendo il 1°premio della II edizione del concorso per cantautori “Genova per Voi” ed essendo selezionato per reinterpretare il brano “Buttare lì qualcosa” dal “Festival Gaber”.

 

 

Ciò che rende Willie Peyote un'eccezione nel panorama contemporaneo italiano, non è solo la cifra stilistica, a metà tra il rap ed il cantautorato, ma anche e soprattutto il contenuto dei suoi testi. Le sue parole delineano un ritratto acuto e molto personale del presente in cui viviamo: offrono istantanee veloci della società di oggi, immortalando tendenze ("La dittatura dei non fumatori"), ironizzando sui suoi vizi ("C’era una Vodka") e offrendone una critica costruttiva e mai scontata, come nel brano “Io non sono razzista ma…" - presentato dal vivo nella trasmissione “Che Tempo Che Fa” di Rai 3 ad aprile 2017.

 

 

Il 6 ottobre 2017 è uscito “Sindrome di Tôret”, il nuovo disco di inediti, per il quale Willie è attualmente impegnato in tour. Di seguito le prossime date:

 

 

08/08 Budapest - Sziget Festival

11/08 Venticano (AV) – BellaStoria

12/08 Roccadaspide (SA) – BellaStoria – Social Music Festival – NUOVA DATA

13/08 Nemoli (PZ) - WoodSound Festival

21/08 Erice (TP) – Lungomare Dante Alighieri – NUOVA DATA

22/08 Canicattì (AG) - Moca Fest

26/08 Fabrica di Roma (VT) – FDB Festival – NUOVA DATA

07/09 Fiorenzuola d'Arda (PC) - Why not Festival

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail