Speciale Natale: ecco quando andranno in onda i cartoni Disney

Le luci dell'albero illuminano la stanza e la riempiono di magia, il plaid ti avvolge con il suo tepore, la cioccolata calda ti fa bene al cuore, una sensazione di pace e serenità pervade il tuo corpo....eh già, finalmente è tornato il Natale.

 

 

 

 

Perché sia tutto perfetto però manca ancora qualcosa: i grandi classici Disney!

 

 

Curioso di sapere quando andranno in onda? Ecco i cartoni in programma durante le festività:

 

 

23 dicembre

 

 

Il Canto di Natale di Topolino – Rai YoYo
Toy Story – 16,45 - Rai 3
Ribelle The Brave – 21.00 - Rai 2

 

 

 

24 dicembre

 

 

Frozen – Il regno di ghiaccio – 21.20 - Rai 2

 

 

 

26 dicembre

 

 

Rapunzel – L’intreccio della torre – 21.20 - Rai 2

 

 

28 dicembre

 

 

La carica dei 101 – Questa volta la magia è vera – 21.20 - Rai 2
La carica dei 102 – Un nuovo colpo di coda – A seguire, sempre su Rai 2

 

 

31 dicembre

 

 

Dumbo – 19.25 - Rai 2
Gli Aristogatti – 21.20 - Rai 2

 

 

5 gennaio

 

 

Cenerentola (film) – 21.25 - Rai 1
Alice in Wonderland – 21.20 - Rai 2

 

 

More than Roads: il progetto di musica itinerante approda all’Asino che vola

More than Roads  live @ L’asino che Vola!

 

 

Il prossimo martedì 21 novembre, alle ore 21.00, a L’Asino che Vola è in programma il live per la chiusura della prima stagione di More than Roads, un progetto musicale itinerante ideato da Francesco Seminara.

 

 

 

 

 

 

More than Roads conclude il suo primo viaggio sul palco de L’Asino che Vola con un evento che avrà come protagonista la musica e i versi di cinque cantautori: Gianfranco Mauto, Mirkoeilcane, Alessandro D’Orazi, Agata Lo Certo e Luigi Mariano si esibiranno live durante una serata condotta da Francesco Seminara (in arte Chisky), il quale, a chiusura dell’evento, si esibirà in duetto con ciascuno dei musicisti.

 

 

 

More than Roads è stato un viaggio fatto di chilometri e musica condivisa e cantata da Chisky (Francesco Seminara) che ha creato intorno a sé una community, tramite il suo video blog e i canali social, raccontando storie, inventando giochi interattivi e traendo spunto dalle news del momento.

 

More than Roads è un progetto nato dall'esigenza di esplorare e condividere la musica e i versi di artisti italiani che, fuori da ogni logica di sistema, affrontano la quotidianità ispirandosi al proprio sentire e traducendo il vissuto in forma canzone.

 

Ognuno ha un proprio stile personale, ma tutti sono animati da profonda e autentica passione, la stessa che ha coinvolto i numerosi utenti dei canali della community di More than Roads: passione che Francesco Seminara riconosce, essendo anche lui un cantautore o meglio, come ama definirsi, un “cantacuore”.

 

 

 

 

 

 

"Mi definisco un “Cantacuore" perché a differenza dei cantautori non ho la padronanza di uno strumento, ma nello scrivere e nel cantare metto tutto il mio cuore - confessa Francesco Seminara - All'inizio era una semplice idea. Per lavoro sono tenuto a fare chilometri su chilometri e la musica rende tutto questo stress un po' più sopportabile; poco a poco, però, l'idea si è trasformata in un progetto reale e adesso non vedo l'ora di salire sul palco de L’Asino che Vola e divertirmi con questi artisti di talento che, ormai, sono diventati anche cari amici, per l'evento che segnerà la conclusione del nostro primo lungo viaggio".

 

 

 

Dall’inizio del progetto Chisky, con 90 episodi in totale e molti video di approfondimento, infatti, ha dedicato tutte le sue energie e i suoi spazi digitali aprendo una finestra sui cinque artisti che si esibiranno il 21 novembre, mettendo in evidenza i testi, condividendo e cantando le canzoni che lo hanno colpito maggiormente.

 

Da Gianfranco Mauto a Luigi Mariano, passando attraverso i lavori di Mirkeilcane, Alessandro D'Orazi e Agata Lo Certo, More than Roads ha visto una stagione unica: la prima di un progetto itinerante e ripetibile, alimentato dall'energia di chi scrive per "mestiere", per il reale bisogno di raccontare storie.

 

 

 

 

 

 

 

 

Martedì 21 novembre, ore 21.00

 

More Than Roads live @ L’Asino che Vola (Via Antonio Coppi 12d, 00179 Roma)

 

Ingresso 5 euro

 

 

 

 

Info e contatti More Than Roads:

 

Facebook https://www.facebook.com/francescoseminaramusic
Video blog http://morethanroads.blogspot.it/
Youtube https://www.youtube.com/channel/UCSTiTzByK2DeDcMEGHyqsdg

 

Off/Off Theatre: i concerti della Domenica

All'Off/Off Theatre è stata la musica andalusa a far suonare le prime note della rassegna di musica classica, jazz e contemporanea, dal titolo Concerti della Domenica – Santa Cecilia a Via Giulia, un momento di musica a cadenza settimanale - a cura di Giuseppe Garrera e Roberto Giuliani - che ha avuto inizio Domenica 5 Novembre  e proseguirà fino al 27 maggio 2018.

 

 

off/off theatre concerti

 

 

Saranno ventisette gli appuntamenti che si avvicenderanno lungo questa interminabile festa musicale, una rara opportunità per far conoscere quella straordinaria realtà di talenti che a Roma è il Conservatorio di Santa Cecilia e per ascoltare le migliori promesse, o già certezze, della ricerca musicale e interpretativa dei nostri giorni. Giovani concertisti, nel momento più alto e poetico del loro apprendistato, a cui raramente è data oggi la possibilità di esibirsi in pubblico, avranno a disposizione il palco del nuovo e vitale spazio di Via Giulia. Ciò che si desidera celebrare e manifestare è proprio il momento, la stagione, irripetibile per furori e fantasia, dell’educazione e dello studio.

 

 

A cadenza settimanale e con ingresso libero, ogni domenica alle ore 12,00, dal 5 Novembre 2017 al 27 Maggio 2018, ogni concerto segnerà un’indagine musicale, un’esplorazione, un’avventura da parte di giovani esecutori intorno a quelli che sono i grandi temi della pratica per evocare suoni.

 

 

Così la racconta uno dei due ideatori, Giuseppe Garrera:

 

“L’intera rassegna dovrà costituire una sorta di viaggio sonoro tra le idee e le forme inconsolabili dell’esistenza, un’inevitabile iniziazione alle mormorazioni e alle sillabazioni dei cieli di Mozart, Beethoven, Schubert, Chopin, Schumann, Debussy, Puccini, Bach, Prokoviev, Reich, Jarrett. La notte, le feste, la danza, le forme del silenzio, il desiderio di morire e di lasciare questa terra, o gioire, e inventare nuove acrobazie, o inni e grida di felicità, o spasmi e lamenti per i giorni che non tornano saranno evocati dai suoni di meravigliosi talenti”.

 

 

IL PROGRAMMA:

 

 

19/11/2017 - Esercizi di Creatività

Ensemble di musica Jazz, Improvvisata e Audiotattile del Conservatorio “S. Cecilia”

 

 

26/11/2017 - Vita più Vita

Arpa Irene Betti, violoncello Alice Chiari. Musiche: Betti, Di Lasso, Murolo

 

 

3/12/2017 - Divagare sul Tema

Pianoforte Simone El Oufir Pierini. Musiche: Mozart, Brahms, Nielsen, Liszt

 

 

 

10/12/2017 - Le acrobazie vocali interpretano il teatro della mente

Soprano Wang Ping, soprano He Yuze, pianoforte Ahn Jee Young

Musiche: Donizetti, Thomas, Gounod

 

 

17/12/2017 - Concerto per un tiranno

Quartetto Eos: violini Elia Chiesa e Giacomo Del Papa, viola Alessandro Acqui, violoncello Silvia Ancarani

 

 

7/1/2018 - Suoni con figure (Quadri di una esposizione)

Pianoforte Beatrice Cori. Musiche: Liszt, Debussy, Mussorgskij

 

 

14/1/2018 - Sprechi

Fortepiano Jacopo Sibilia. Musiche: Eckardt, C.P.E. Bach, J.C. Bach, Beethoven

 

 

21/1/2018 - Nuove musiche / Musiche nuove

Ensemble di violoncelli del Conservatorio “S. Cecilia”, direttore Maurizio Massarelli

Musiche: Bracci, Caturano, Forino, Joplin, Mirenzi, Fauré, Gabrieli, Lennon-McCartney, Giannoni, Rota, Apocalyptica

 

 

28/1/2018 - Ascensioni

Quatuor de Saxophone du Samedì: Alessandro Scalone, Giulia De Mico, Cristiano Cerroni, Francesco De Cicco. Musiche: Bozza, Dubois, Lovreglio

 

 

4/2/2018 - Cimento dell’armonia e dell’invenzione

Violino Ginevra Bassetti, pianoforte Marianna Pulsoni

Musiche di Mozart, Schumann, Grieg, Brahms

 

 

11/2/2018 - Una storia della musica di serie B?

Violino Misia Iannoni Sebastianini, pianoforte Antonino Fiumara

Musiche di Beethoven, Brahms, Bartók

 

 

18/2/2018 - La forma e la forma

Pianoforte Giulia Loperfido. Musiche di Beethoven, Brahms, Chopin, Prokofiev

 

 

25/2/2018 - Costruzioni

Percussion Ensemble. Musiche: Brodmann, Piazzolla, Reich, W.A. Mozart, G. Sollima, Cage, Reich, Chavez

 

 

4/3/2018 - Nulla di personale I

Concerto a sorpresa a cura della Consulta degli Studenti

 

 

11/3/2018 - Piedigrotta futurista

Ensemble vocale e strumentale Cupramus

 

 

18/3/2018 - Fuga, Follia, Frammento, Forma

Violino Alice Notarangelo, viola Emanuele Ruggero, violoncello Gabriele Cecchetti

Musiche di J.S. Bach, Vivaldi, Gualandi, Beethoven

 

 

25/3/2018 - Ricercari di Lachrimae

Contrabbassi: Daniele Roccato, Rocco Castellani, Mauro Tedesco, Giacomo Dall’Ongaro, Armando Bagalà. Musiche di A. Gabrieli, Dowland

 

 

8/4/2018 - Stupire con la voce (Echi di Spagna)

Soprano Neringa Radenaite, chitarra Alessio Cozzi

Musiche di Cordero, Rodrigo, Villa-Lobos, Granados, De Falla

 

 

15/4/2018 - Alchimie sonore

Ensemble di flauti: Francesco Duca, Livia Frezzotti, Alessandra Prozzo, Giulia Prozzo, Silvia Raia e Davide Stanzione. Musiche: Weber, Bizet, Faurè, Gershwin, Telemann, Briccialdi, Köhler, De Lorenzo, Casteréde, Balzotti, Meloni, Di Nisi

 

 

22/4/2018 - Per cantare: Liebeslieder

Soprano Zhu Yue, mezzosoprano Arlene Miatto Albeldas, tenore Eero Lasorla, basso Andrea Romeo, pianoforte a quattro mani Veronica Bigliani e Riccardo Balsamo. Musiche di Brahms

 

 

29/4/2018 - Anamorphosis

Furiosi Affetti – Orchestra Barocca di Roma, dir. Mangiocavallo

Musiche di Daniele, Merula, Taylor, Pesenti, Paoli, Buxtehude, Gentle Giant, de Rore, Monk

 

 

6/5/2018 - Nelle pieghe del cosmo

Pianoforte: Arianna Granieri. Musiche di Cowell, Evangelisti, Cage, Barelos, Boulez

 

 

13/5/2018 - Ma non era morto il teatro musicale?

L’ascensore. Opera in tre riunioni condominiali ed epilogo, per voci e ensemble di strumenti a fiato, di Riccardo Riccardi, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Roma

 

 

20/5/2018 - Ai confini dell’acrobazia

Ensemble di strumenti a fiato del Conservatorio Santa Cecilia, direttore Stefano Mastrangelo. Musiche di R. Strauss (integrale delle composizioni per ensemble di strumenti a fiato, 1° esecuzione assoluta nei concerti del Conservatorio)

 

 

27/5/2018 - Nulla di personale II

Concerto a sorpresa a cura della Consulta degli Studenti

 

 

Il borghese gentiluomo, Filippo Dini arriva al Teatro Sala Umberto di Roma

Dal 19 al 29 Ottobre, l’attore e regista Filippo Dini torna al Teatro Sala Umberto di Roma con Il borghese gentiluomo, commedia di Molière. 

 

 

borghese gentiluomo

 

 

La commedia Il borghese gentiluomo nasce come sberleffo razzista, commissionato a Molière dal fratello di Re Luigi XIV, in risposta a una indelicatezza commessa da un ambasciatore turco. Al commediografo fu posta inoltre un’altra condizione, ovvero che il copione avesse la forma di comedie-ballet, facendo da sfondo narrativo e raccordo ai balletti e alle arie del compositore e coreografo Lully, in quel momento favorito del re. Da queste premesse e da tali ingerenze nacque quella che è forse la più esilarante commedia di Molière, capolavoro assoluto arrivato fino ai giorni nostri nella sua freschezza e nella sua comicità.

 

Monsieur Jourdain è un personaggio insieme ridicolo e commovente, divertente e contraddittorio, un uomo a metà tra la più antica tradizione del teatro comico e la più crudele volgarità del nostro quotidiano. Jourdain incarna contemporaneamente un’irresistibile tensione al miglioramento di se stesso e il più becero degli arricchiti, negando continuamente nei fatti ciò che a parole chiama “fame di cultura”, lordandola di orgogliosa ignoranza e arrogante tracotanza. Attorno a lui gravitano i maestri che dovrebbero formarlo per raggiungere questo status superiore, maestri di musica, di ballo, di filosofia, di scherma, figuri loschissimi che desiderano soltanto derubarlo e truffarlo, coppie di nobili annoiati e scrocconi e una moglie che lo detesta, e che vorrebbe restare nell’immobilità della propria mediocrità, nell’agio ozioso del raggiunto benessere.

 

A completare il quadretto due coppie di giovani senza speranze e senza ambizioni, tranne quella di sposarsi per sopravvivere alla noia, fra questi Lucile la figlia di Jourdain per la quale il padre desidera una sorte più “nobile” che il matrimonio con Cleonte. I quattro, capitanati dall’astuto e perfido Coviello (servo e compare di Cleonte), decideranno di organizzare una messa in scena per gabbare il vecchio, dove si fingeranno dei turchi appunto e, con la scusa di riconoscere a Jourdain un’altissima carica turca (il titolo di Mamamouchi), gli riserveranno un amara sorpresa.

 

Col Borghese gentiluomo Molière riesce in un’impresa titanica: ridere del suo contemporaneo Monsieur Jourdain è ridere di noi spettatori, del nostro tempo, della nostra epoca folle e misera, consegnandoci un teatro apparentemente “basso”, ridicolo ed esilarante, ma al tempo stesso violento e crudele, “un teatro” come diceva Cesare Garboli “che deride e deforma la realtà senza mai detestarla”.

 

 

Dini conferisce al carattere farsesco di Jourdain lo spessore di un personaggio a tutto tondo, suggerendo che certi vizi sono connaturati alla natura umana.

 

 


 

 

Cast artistico

 

Signor Jourdain, borghese Filippo Dini
Signora Jourdain, sua moglie Orietta Notari
Dorimène, marchesa Sara Bertelà
Dorante, conte, amante di Dorimène/maestro di musica Davide Lorino
Lucile, figlia di Jourdain/ aiutante sarto Valeria Angelozzi
Cléonte, innamorato di Lucile/maestro di scherma/lacchè Ivan Zerbinati
Nicole, serva/sarto Ilaria Falini
Covielle, servo di Cleonte/maestro di ballo Roberto Serpi
Maestro di filosofia Marco Zanutto

 

 

Cast tecnico

 

scene e costumi Laura Benzi
musiche Arturo Annecchino
luci Pasquale Mari
aiuto regia Carlo Orlando

 

 

Wave Market: la Serra Madre si colora d’autunno

Hey Roma! Dopo la pausa estiva, torna Wave Market carico di nuove idee e contenuti.

 

 

wave market

 

 

Sabato 21 e Domenica 22 Ottobre dalla mattina alla sera il Wave Market animerà gli spazi della Serra Madre.

 

 

Un weekend all'insegna della creatività, della condivisione e dello stare bene insieme. Vi aspettano tante cose belle!

 

 

· Market: Più di 60 artisti selezionati da tutta Italia, con creazioni artigianali e idee originali.

 

 

· Street Food: Un'accurata selezione di 5 food truck, birre artigianali, vino biologico, miscele di caffè e dolci.

 

 

· Lab: Spazi interattivi con nuovi workshops per adulti e tanti laboratori per bambini, per allenare la creatività di ogni età.

 

 

· Live: Tanta musica per accompagnare due giornate all’insegna della condivisione, della spensieratezza e dell’allegria.

 

 

Quando: Sabato 21 e Domenica 22 Ottobre dalle 10 alle 21

 

Dove: Serra Madre - Via di Macchia Palocco, 320, Roma 

 

 

INGRESSO GRATUITO

 

 

Programma: www.wave-market.com
Aggiornamenti: www.facebook.com/wavefoodfest
Email: info@wave-market.com

 

 

Illustrazione realizzata da: Veronica Cosimetti

Eataly Roma: al via la festa della Patata

Dal 22 al 24 settembre Eataly Roma dedica tre giorni a uno degli alimenti più completi, gustosi, e utilizzati nelle cucine di tutto il mondo: la patata.

 

 

 

 

Viola, bianche, blu, rosse, italiane, olandesi, spagnole, brasiliane… ce n’è per tutti i gusti! Tre giorni di festa per celebrare come si deve il tubero più famoso del mondo. Tantissime le ricette da provare, abbinamenti con le migliori birre artigianali, laboratori e workshop per i più piccoli.

 

 

Durante il weekend, spazio anche alla Gara tra gnocchi (domenica 24 settembre, 10 €): avrai 30 minuti di tempo per preparare la tua ricetta preferita, che sarà valutata da una giuria di esperti del settore. Dopo il successo della scorsa edizione, chi sarà il re o la regina degli gnocchi?

 

 

Ingresso libero | Pagamento dei piatti tramite i gettoni | 1 gettone=2 €
Promozione gettoni: 20 gettoni: 38 € | Acquista online
Promozione Famiglia: 30 gettoni: 55 € | Acquista online

 

 

Gli altri eventi in programma

 

 

La Biodiversità delle patate con Slow Food | Gratuito
Venerdì 22 settembre | Dalle ore 18.00 alle ore 19.00
Al terzo piano, uno Show Cooking a cura di Gabriella Cinelli sul tema della biodiversità delle patate: vediamo come impiegarle in cucina rispettando ed esaltando le loro caratteristiche.

 

 

Come ti piace la patata? | 20 € | Prenota ora
Sabato 23 settembre | Dalle ore 19.00 alle ore 20.30
Dalla parmigiana alle fritelle, impariamo nuove ricette a base di patate con Alessandra Mariani.

 

 

Patagnam, laboratorio per i più piccoli | 15 € | Prenota ora
Domenica 24 settembre | Dalle ore 18.00 alle ore 19.30
Appuntamento per i più piccoli: tra giochi e attività culinarie, prepariamo due gustose ricette!

 

 

Al piano terra
Crescione: purè di patate, mozzarella fiordilatte
fusa "Ignalat" e salsiccia alla piastra "La Granda" | In Piadineria
Pizza romana con patate, scamorza e speck | In Focacceria
Con le proposte del Birrificio Turbacci

 

 

Al primo piano
Patate ripiene con verdure e formaggio e Yellow pulao | Gandhi Roma, cucina indiana
La patata... tra uova e carbonara | A cura di Mirko Moglioni, Ristorante "Il Margutta"
Verduressa: verdure grigliate e hummus | Kalapà, cucina greca
Riso, patate e cozze | Bacio di Puglia
Con le proposte del Birrificio Losa

 

 

Al secondo piano
Smorrebrod con insalata Smor di patate e cipolla croccante | Smor, cucina vichinga
Patata bakadpotatis con crema di formaggio, funghi e wurstel | Bacio di Puglia
Con le proposte del Birrificio Oxiana

 

 

Al terzo piano
Patata fritta spirale | Ape Magna
Ciambelle italiane | Bucolica
Gateau di patate | Pandalì
Con i Birrificio di Birra del Borgo e Maltovivo

 

 

Venerdì 22 settembre | Dalle ore 19.00 alle ore 23.30
Sabato 23 settembre | Dalle ore 12.00 alle ore 16.00 e dalle ore 19.00 alle ore 23.30
Domenica 24 settembre | Dalle ore 12.00 alle ore 16.00 e dalle ore 19.00 alle ore 23.00

Eventi Roma: 21-24 Settembre, il grande ritorno del Parco della Musica

A pochi giorni dalla riapertura del Parco della Musica si entra già nel vivo della nuova stagione. Dopo le repliche dello spettacolo dedicato alla divina Callas, dalla musica lirica si passa al jazz e alle musiche improvvisate, protagoniste indiscusse del Festival italo – francese “Una striscia di Terra feconda” giunto al suo ventesimo anno di vita. Tanti gli ospiti di quest’anno, dall’Orchestre National de Jazz ai musicisti nostrani Maria Pia De Vito, Paolo Fresu, Gianluca Petrella, per 4 intense serate di doppi concerti. Nel fine settimana ritorna la grande festa degli Chef “Taste of Rome” che punta a superare gli oltre 28000 visitatori del 2016 arricchendosi di nuovi eventi e iniziative. Sempre nel fine settimana l’Auditorium ospiterà inoltre gli eventi per ragazzi e i concerti dello Spyn Cycling Festival.

 

 

 

 

 

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI 

 

 

 

Giovedì 21 settembre

 

 

Una Striscia di terra feconda

Dominique Pifarely violino, elettronica / Daniele roccato contrabbasso/ Michele Rabbia percussioni, elettronica con la partecipazione Rocco Castellani contrabbasso Mauro Tedesco contrabbasso

PAOLO FRESU / GIANLUCA PETRELLA DUO

Teatro Studio Borgna ore 21

Biglietto unico 10 euro

 

Venerdì 22 settembre

 

 

Una Striscia di terra feconda

WATCHDOG Anne Quiller piano, Fender Rhodes, Moog Pierre Horckmans clarinetto, clarinetto basso

PAOLO DAMIANI "Vingt ans après" invite PAOLO FRESU tromba, GIANLUCA PETRELLA trombone, THEO CECCALDI violino DANILO REA pianoforte, PAOLO DAMIANI contrabbasso

Produzione originale

Teatro Studio Borgna ore 21

Biglietto unico 10 euro

 

 

Venerdì 22 settembre

 

 

Corde Oblique e Riccardo Ascani Quintet

Sala Petrassi ore 21

Biglietto unico 15 euro

 

 

Dal 22 al 24 settembre

 

 

Taste of Roma

Giardini Pensili

Biglietti: STANDARD 16,00 + dp; FAMIGLIA (x4 persone) 32,00 + dp; VIP 60,00 + dp

 

 

Sabato 23 settembre

 

 

Spyn Cycling Festival

Bianco Teatro - ALFONSINA E IL CIRCO

Teatro Studio Borgna ore 16:00

Età: bambini dai 5 ai 11 anni

Biglietto € 5

 

 

Sabato 23 settembre

 

 

Spyn Cycling Festival

Bici come farfalle

Età: bambini dagli 8 agli 11 anni

Partecipanti: max 20 a laboratorio

Durata: 45 minuti ca

Teatro Studio Borgna ore 16:45

 

 

Sabato 23 settembre

 

 

Spyn Cycling Festival

GUIDO FODDIS E I PEDALI DI FERRARA

LA REPUBBLICA DELLE BICICLETTE

Teatro Studio Borgna ore 21

Biglietto € 5

 

 

Domenica 24 settembre

 

 

Spyn Cycling Festival

Bianco Teatro - ALFONSINA E IL CIRCO

Teatro Studio Borgna ore 11

Età: bambini dai 5 ai 11 anni

Biglietto € 5

 

 

Domenica 24 settembre

 

 

Spyn Cycling Festival

Bici come farfalle

Età: bambini dai 5 agli 8 anni

Partecipanti: max 20 a laboratorio

Teatro Studio Borgna ore 11:45

 

 

Domenica 24 settembre

 

 

Spyn Cycling Festival

TÊTES DE BOIS

Teatro Studio Borgna ore 21

Biglietto € 5

Levante e STAG portano incanto e caos all’Ex Dogana

Levante live @Vite Culture Festival - ©Benedetta Morbelli

Magia, incanto, caos.

 

 

Non ci sono altre parole per descrivere la serata organizzata lo scorso 9 Settembre dal Vite Culture Festival all'Ex Dogana di Roma. O forse sì, ce ne sarebbero moltissime, ma non basterebbero comunque a descrivere l'emozione di chi ha assistito al concerto.

 

 

Live on stage Levante, preceduta dagli STAG, ed anche solo i loro nomi sono ormai garanzia di pelle d'oca.

 

 

Marco Guazzone e la sua band (composta da Stefano Costantini seconda voce e chitarra acustica, Giosuè Manuri alla batteria ed Edoardo Cicchinelli al basso) hanno incantato il pubblico portando sul palco le loro sonorità British e le loro canzoni italiane dai testi poetici.

 

 

La band romana, che ha debuttato nel 2012 con l'album L'Atlante Dei Pensieri ed ha recentemente presentato il nuovo lavoro: Verso le meraviglie, declina l'indie rock contaminandolo con il pop melodico ed impreziosendolo di quella vena romantica che colpisce dritto al cuore.

 

 

Guasto, Vienimi a cercare, Slay Tilling (brano presente nella colonna sonora della fiction Rai Tutto può succedere), Atlas of thoughts...brano dopo brano gli STAG ci hanno trasportato nel loro magico mondo. Attenti Kasabian, Franz Ferdinand, Kodaline, qui c'è un gruppo che si prepara a farvi concorrenza!

 

 

 

 

Al termine della performance degli STAG solo qualche attimo di attesa ed eccola arrivare, come un turbine di energia e caos: Levante.

 

 

La cantante, che si prepara al debutto come giudice di X Factor, ci è sembrata in splendida forma. Con la sua voce sensuale ci ha condotto ancora una volta nelle sue Stanze, più stupefacenti che mai.

 

 

In un'alternanza di brani grintosi ed allegri, pacati e romantici, il concerto di Levante è stato un giro sulle montagne russe delle emozioni culminato con l'esecuzione di Abbi Cura di Te, durante la quale spente le luci e tolti gli artifici la cantante - anzi Claudia - ha cantato a cappella con il pubblico in un unicum di anime e cuori.

 

 

Ad accompagnarla un gruppo di bravissimi musicisti, che hanno saputo seguirla magistralmente tra sussurri ed esplosioni vocali, offrendo sonorità indie pop ovattate e psichedeliche.

 

 

 

 

Ph credit: ©Benedetta Morbelli e Simarght Ph

Parioli sounds: cade la “quarta parete”, il teatro Parioli diventa club di musica live

Il Teatro Parioli allarga la platea del suo pubblico, e smonta la sua platea fisica, con Parioli Sounds, rassegna musicale voluta fortemente dalla direzione del teatro per abbattere definitivamente la "quarta parete" che separa i creatori d'arte dal loro pubblico. Tale operazione passa da una vera e propria rivoluzione fisica: dal 22 settembre al 19 ottobre la platea del teatro verrà infatti liberata dall'ingombro delle poltrone. Lo spettatore avrà così modo di occupare in ogni sua parte lo spazio reale teatrale, trasformato per l'occasione in un vero e proprio club. Chi vorrà assistere ai concerti in poltrona, potrà occupare un settore del teatro adibito a tale scopo.

 

 

parioli

 

 

Il progetto musicale Parioli Sounds si posiziona all'interno di un'offerta culturale sempre più completa, agile e trasversale, pensata dal Teatro Parioli per scardinare le rigide dinamiche che troppo spesso vincolano i contenitori culturali teatrali. La direzione artistica è a cura di Leave Music, produzione discografica, management artistico e organizzazione di manifestazioni culturali. Il Teatro Parioli si pone l'obiettivo di porsi come nuovo punto di riferimento all'interno di una scena, romana e nazionale, che ha sempre più bisogno di individuare nuovi spazi aperti all'arte, alla ricerca, e alla sperimentazione, e che contrastino la paura del "nuovo" in un ambito (quello teatrale) troppo spesso legato a logiche di conservazione e chiusura. Divertimento e intrattenimento affiancheranno i contenuti culturali proposti dagli artisti che saliranno sul palco durante le varie serate della rassegna.

 

 

Parioli Sounds aprirà le porte del Teatro Parioli, posizionandolo come venue attenta alle tendenze del momento, a musicisti quali la straordinaria cantante Hindi Zahra (22 settembre), brezze world, folk e pop direttamente dal Marocco, che la critica ha definito la “Patti Smith del deserto”, i Nouvelle Vague (7 ottobre), un progetto unico che a partire dai brani della scena punk e post-punk, ha reinventato il genere della "cover band” e il pianista siriano Ahem Ahmad (12 ottobre), che con la sua musica ha saputo sfuggire al terrore, presenti in rassegna grazie alla passione di Magalì Berardo, responsabile dell'agenzia Musicalista. Questi musicisti contribuiranno, con i loro suoni e le loro storie di integrazione, indagine musicale, e rielaborazione del sound del passato, a consegnare al palco dello storico teatro romano il compito di promuovere valori universali di apertura, accoglienza, e innovazione.

 

 

 

 

 

Ad aggiungere valore al progetto "Parioli Sounds" saranno poi artisti italiani emergenti come il talentuoso cantautore rivelazione toscano Lucio Corsi e i Persian Pelican (19 ottobre), un progetto musicale di Andrea Pulcini e Artù (5 ottobre), cantautore romano ironico e pungente, che si alterneranno in cartellone a gruppi affermati come i Musica Nuda (26 settembre), ovvero Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, o a cantautori internazionali come Rachel Sermanni (14 ottobre),cantautrice scozzese con il suo affascinante sound folk. Inoltre, suoneranno sul palco del Teatro-Club anche i Moseek (13 ottobre), che riempiranno lo spazio romano con le loro atmosfere elettroniche.

 

 

All'interno del progetto Parioli Sounds, poi, la direzione Artistica selezionerà giovani musicisti emergenti che affiancheranno i "big" aprendo i loro concerti. Fra loro, la cantautrice Gabriella Martinelli e Tess.

 

 

Tutte le info sulla rassegna sono disponibili sul sito parioliteatro.it.

 

 

Biglietti in vendita su Ticketone e al botteghino del Teatro Parioli.

 

Trovajoli 100: un omaggio Jazz ad Armando Trovajoli

A 100 anni dalla nascita del Maestro Armando Trovajoli e a 100 anni dalla registrazione del primo disco di Jazz da parte della "Original Dixieland Jazz Band" di New Orleans, domenica 10 settembre in Piazza Anco Marzio a Ostia si festeggerà con Trovajoli 100.

 

 

 

 

Trovajoli e il Jazz, una storia d'amore infinita. Un amore quello per il Jazz che il Maestro Trovajoli ha coltivato da sempre, coniugando gli studi di musica classica al Conservatorio di Santa Cecilia alla passione per il Jazz, come testimonia la sua partecipazione nel 1949 al Festival Jazz di Parigi in rappresentanza dell'Italia.

 

 

Questo suo amore per il jazz è presente in tantissime sue opere. Lui, autore di “Rugantino”, "Ciao Rudy", "Aggiungi un posto a tavola", delle colonne sonore di più di 300 film (da "La ciociara" ad altri capolavori di De Sica, a tutti i film di Scola), aveva un cuore che batteva per il jazz.

 

 

Altra tappa fondamentale della sua lunga e prestigiosa carriera fu la direzione che gli venne affidata dalla RAI agli inizi degli anni '50, della prima orchestra stabile di musica leggera con cui il Maestro Trovajoli propose brani ed esecuzioni di netta impostazione jazzistica. E proprio per questa speciale serata ad Ostia, alcuni dei principali protagonisti della scena jazzistica italiana intendono tributargli un affettuoso e riconoscente omaggio, interpretando alcune delle sue più note composizioni.

 

 

Parteciperanno i pianisti Enrico Pieranunzi, Rita Marcotulli, Alessandro Lanzoni, il trombettista Fabrizio Bosso, il sassofonista Rosario Giuliani, il contrabbassista Luca Fattorini, il batterista Marco Valeri. A loro si uniranno anche gli attori e cantanti Gianluca Guidi ed Emy Bergamo, celebri protagonisti di tanti musical composti dal Maestro Trovajoli.

 

 

L'evento è a cura della Casa del Jazz di Roma. Ingresso libero.