Posted on: 26 Febbraio 2016 Posted by: Benedetta Morbelli Comments: 0

 

E se fossi nata narciso e avessi passato la vita a vedermi riflessa in un torrente d'acqua, senza mai poter alzare lo sguardo?

 

3c29e46ccd0c65aa1ebd8f55ef65ed88

 

Sí certo, avrei potuto scegliere di odiarmi. Sarebbe stata la scelta più semplice e naturale; oppure avrei potuto scegliere ogni giorno di accettarmi, di accettare ogni mio petalo, ogni singola sfumatura.

 

In un primo momento avrei certamente invidiato le rose, così eleganti e superbe, o i meravigliosi tulipani, che sono soliti indossare i colori dell'arcobaleno, ma alla fine avrei ceduto all'amore.

 

Avrei imparato a convivere con me stessa, con ciò che sono, e proprio in quell'ultimo istante, nel momento stesso in cui quel riflesso si fosse fatto più vicino, nel momento in cui fossi arrivata a sfiorarlo, in quel momento l'avrei capito.

 

E sì, avrei finito per innamorarmi. Avrei scelto di innamorarmi.

 

Eugenia Conti