Posted on: 5 Ottobre 2016 Posted by: Francesca Muscarà Comments: 0

 

Gli Zen Circus hanno festeggiato la maggiore età così, con l'uscita di un album dal titolo "La terza guerra mondiale". Con una copertina irriverente, comica, o forse no.

La band pisana ha iniziato il suo percorso a metà degli anni '90 e ha scalato i gradini dell'indie-rock italiano, proclamandosi a furor di popolo una delle band più acclamate della propria generazione.

 

terza-guerra-mondiale

 

 

Oggi, dopo diciotto anni, nasce un album ricco di contenuto. L'amore non conta, Andrà tutto bene, Zingara (il cattivista), sono solo alcune delle tracce più significative di un album che segna la crescita artistica e una maturità intellettuale, oltre che musicale degli Zen Circus. E se, agli esordi, il pop rock prendeva spunto dagli eighties dei Talkin Heads, con tanto di synth e tastiere, il decimo lavoro oggi è minimal, con un semplice sfondo di basso, voce e batteria, senza fronzoli. La musica è importante, sì, ma le parole di più.

 

01. La terza guerra mondiale - (03:17)
02. Ilenia - (03:47)
03. Non voglio ballare - (04:32)
04. Pisa merda - (04:05)
05. L'anima non conta - (05:43)
06. Zingara (Il cattivista) - (04:31)
07. Niente di spirituale - (03:33)
08. San Salvario - (03:20)
09. Terrorista - (02:50)
10. Andrà tutto bene - (10:27)

 

Il nuovo album è uno specchio amaro socio-generazionale: una sottile, ma rumorosa, ironia preannuncia l'avvento di quella che è la terza guerra mondiale, che potrebbe arrivare da un momento all'altro e noi altro non faremmo che scattarci un bel selfie, sorseggiando uno spritz; la distrazione, la smania di esserci, la realtà e la virtualità che si confondono e si fondono, per arrivare a temi più caldi come le minoranze...tutti ingredienti di un album che racconta spaccati di vita e di società in un dramma cantato.

Sono tempi lontani, quelli di andate tutti affanculo. Adesso gli Zen Circus sono malinconici e disillusi, convinti che se dovesse arrivare una terza guerra mondiale, probabilmente non ce ne accorgeremmo neanche.