Posted on: 3 Luglio 2017 Posted by: Benedetta Morbelli e Simone Lucidi Comments: 0

Un carico di energia positiva è pronto a partire in direzione Teatro Olimpico!

 

 

La stagione 2017/2018 ha tutte le carte in regola per essere spumeggiante, coinvolgente, indimenticabile.

 

 

 

Musica, balletto e grandi show, l'Olimpico propone una stagione di grande qualità che abbraccia tutti i generi dell'espressione artistica, alternando graditissimi ritorni a nuove scommesse.

 

 

L'obiettivo della direttrice artistica, Lucia Bocca Montefoschi, è quello di creare il "pubblico del domani" coinvolgendo al contempo spettatori di tutte le età.

 

 

Ecco alcuni degli spettacoli più attesi:

 

 

GISELLE - DADA MASILO (28 Settembre-1 Ottobre 2017)

 

 

Dopo varie rivisitazioni di Swan Lake, con Giselle Dada Masilo prosegue un percorso artistico incentrato sulla rielaborazione poetica delle opere ereditate da balletto e musica classica. Undici i danzatori in scena, insieme alla Masilo, che cercheranno di dar vita al tema del perdono. Giselle muore d'infarto dopo aver scoperto che il suo amato è promesso in sposo ad un'altra donna. Da qui, un turbinio di vendette , tradimento e sofferenza, danzanti, così da accendere l'animo del pubblico. Le musiche del balletto di Philip Miller saranno eseguite dal vivo da un'orchestra composta da dieci elementi.

 

 

VIVA MOMIX FOREVER - MOMIX (17 Ottobre-5 Novembre 2017)

 

 

Viva Momix Forever è uno spettacolo nato nel 2015 per festeggiare i 35 anni d'esistenza di Momix. Il coreografo, creatore e direttore artistico della compagnia, Moses Pendleton, ci stupirà anche questa volta rivisitando le coreografie storiche dei Momix e rendendole ancor più forti ed intense. Viva Momix Forever sarà una festa fra Momix ed il suo pubblico, un binomio perfetto che da sempre ci diverte, ci emoziona e continua ad incantarci da due generazioni.

 

 

DON GIOVANNI - ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO (9-26 Novembre 2017)

 

 

L'Orchestra di Piazza Vittorio, guidata da Andrea Renzi (regista) e Leandro Piccioni (direttore musicale e pianista), affronta una nuova sfida accostandosi al capolavoro per eccellenza: il Don Giovanni di Mozart.

Il ruolo del protagonista è affidato alla voce trasformista di Petra Magoni, interprete capace di muoversi in scena con un'abilità fuori dal comune intessendo la scena e l'opera. Una versione diversa ed innovativa del protagonista, mirata a fornire al pubblico una variante contemporanea del mito settecentesco ed a proporre una lettura alternativa del rapporto tra i personaggi.

I travestimenti linguistici e musicali sono stati inventati come sempre da Mario Tronco e Leandro Piccioni per i componenti dell'Orchestra.

 

 

Don Giovanni è ambientato in un immaginario Music Club, un luogo carico di energia, luce, vita, dove i musicisti posizionati su piani rialzati, con una parete di pannelli diversamente illuminati, si muovono insieme ai cantanti nelle loro avventure musicali ed esistenziali.

 

 

CAVALLI DI RAZZA E VARI PULEDRI, UNA CAVALCATA LUNGA 24 ANNI E 6 MESI - MAURIZIO BATTISTA (26 Dicembre 2017-21 Gennaio 2018)

 

 

Scritto da Maurizio Battista con Alessandra Moretti

 

 

Maurizio Battista, in gran forma dopo il successo dello scorso anno, torna con il nuovo show Cavalli di razza. Questo spettacolo racchiuderà il mondo della comicità travolgente di Battista.

Interverranno anche i "puledri", le grandi novità sempre più attuali ed emblematiche della società odierna.

"Tutti festeggiano i 25 o i 30 anni, io invece voglio festeggiare i 24 anni e 6 mesi di carriera" - ha raccontato Battista, che ci invita tutti allo show per far festa con lui.

 

 

W LE DONNE! TUTTE LE DONNE DELLA MIA VITA - RICCARDO ROSSI (6-18 Febbraio 2018)

 

 

Scritto da Riccardo Rossi ed Alberto Di Risio. Regia Cristiano D'Alisera

 

 

La figura femminile è la prima che incontriamo nella nostra vita e questo incontro si reitererà per tutta la nostra vita.

Prima la mamma, la sorella, la nonna, la prima amichetta, la fidanzata importante, la moglie, la figlia e l'ex moglie (che si rivelerà essere un'altra persona), forse la seconda moglie (che si spera sia anche l'ultima) e dulcis in fundo la più temuta: la suocera!

Tutti questi incontri fanno sì che all'uomo rimanga un'unica cosa da fare: crescere.

Con la sua scanzonata comicità romana, Riccardo Rossi scherza con i suoi toni schietti ed eccentrici sul mistero più insoluto per l'uomo: l'universo femminile.

 

 

 

 

 

PFM-PREMIATA FORNERIA MARCONI in concerto (12 Marzo 2018)

 

 

Voce e batteria: Franz di Ciccio

Basso: Patrick Djivas

Violino, tastiere e chitarra: Lucio Fabbri

Chitarra: Marco Sfogli

Tastiere: Alessandro Scaglione

Voce, tastiera e chitarra: Alberto Bravin

Seconda batteria: Roberto Gualdi

 

 

LA PFM è uno dei gruppi italiani più famosi al mondo e ce la invidiano tutti, dal Giappone alla Corea e dal Canada fino al Messico. Questa band visionaria ha spaziato attraverso i generi musicali: passando dal progressive rock al folk, fino al cantautorato italiano. Dal 1970 ad oggi, il gruppo ha superato quasi le 6000 esibizioni dal vivo. Ormai la PFM è accolta come un marchio d'autore del rock italiano.

Da segnalare la presenza del virtuoso della chitarra, Marco Sfogli, affermatosi negli Stati Uniti ed in Italia quasi sconosciuto. Dal 2005 è stato chitarrista della band del cantante dei Dream Theatre, James Labrie. Dal 30 Marzo del 2015 è entrato a far parte della PFM, dando così alla band un sound progressive metal, ispirato ad Eddie Van Halen e soprattutto da John Petrucci (vista anche la loro amicizia).

Tutto questo ci fa quindi ben sperare in un'esibizione scoppiettante e ben eseguita da musicisti raffinati e famosi a livello internazionale. Concerto per palati fini, assolutamente da non perdere!

 

 

L'ETERNO INCANTO DI VENERE, DA PRASSITELE A MODIGLIANI - CORRADO AUGIAS (14 Marzo 2018)

 

 

In passato intorno al nudo femminile vi era un alone di mistero, data la ristrettezza di vedute, ma era proprio questo ad aumentarne il fascino, soprattutto in ambito artistico. Oggi il nudo, a causa della facilità e fruibilità, è stato smitizzato ed ha perso il valore avuto in precedenza. Corrado Augias cercherà di rispondere ai numerosi quesiti sul tema, ripercorrendo le tappe che hanno portato il nudo al suo odierno impoverimento. Il bisogno di mostrare la nudità c'è sempre stato, per molte ragioni: sessuali, simboliche ed epiche. Lo dimostrano per esempio le grandi statue e gli affreschi del periodo greco-romano, che erano nudi in sé ma che al contempo erano un'espressione simbolica di divinità, come Venere.

Dalla seconda metà del XVIII secolo, il corpo nudo ha cominciato ad essere mostrato per provocare scandalo e non più per il suo mistero.

Le qualità oratorie di Augias sono impareggiabili e ci condurranno per mano in questo cammino di scoperta del nudo dalle gloriose origini all'odierno impoverimento.

 

 

MICHELANGELO - VITTORIO SGARBI (15-18 Marzo 2018)

 

 

Un Vittorio che non ti aspetti! Dopo il successo dello spettacolo su Caravaggio, si ripete questo percorso trasversale fra storia dell'artista ed attualità del nostro tempo, stavolta orbitando intorno all'universo di Michelangelo.

Il Professor Sgarbi verrà accompagnato in musica dal compositore Valentino Corvino, creando così una relazione profonda tra suono ed immagine.

Critico d'arte, ma anche poliedrico intrattenitore, Sgarbi non è mai banale, ma risulta sempre sagace e puntuale nei suoi eccessi.

 

 

L'UOMO CHE NON CAPIVA TROPPO. LA SAGA - LILLO E GREG (28 Novembre - 23 Dicembre 2017)

 

 

Scritto da Claudio Gregori

Regia di Lillo e Greg. Co-regia Claudio Piccolotto

Musiche di Claudio Gregori ed Attilio Di Giovanni

 

 

A sette anni di distanza, ecco L'Uomo che non capiva troppo, ma questa volta la saga. L'avventura continua..e sarà definitiva?

Protagonista è Felix (Lillo), un uomo tranquillo con una vita tranquilla. Da qui inizia una saga d'azione, che omaggia i grandi film di spionaggio, come 007 e Mission Impossible, in chiave comica. Si scatena un umorismo di situazione in cui Felix non capisce lo scatenarsi degli eventi, perchè riceve ordini in una lingua a lui incomprensibile.

Lillo è l'unico attore della compagnia che interpreta un ruolo solo, gli altri cinque vestiranno i panni di diversi personaggi per una saga dai ritmi incalzanti, paradossali, piena di doppi sensi e di risate.

"E' un uomo medio che oltrepassati i 30 anni, si accorge che non è come pensava. Ha sempre vissuto da pantofolaio, guardando serie tv di bassa lega, e scopre invece ad un certo punto della sua vita che sua moglie, il suo migliore amico, e tutti quelli che conosce (parenti e amici) sono tutti agenti segreti" - ha raccontato Greg.