Posted on: 7 Marzo 2020 Posted by: Benedetta Morbelli Comments: 0

Fervono i preparativi per il 15 Maggio, giorno in cui si terrà la seconda edizione di School in motion (Festival Internazionale dell’Animazione Educativa) al MAXXIdi Roma. Tanti gli ospiti e le sorprese.

School in motion, tanti ospiti e sorprese nella seconda edizione del Festival 

 

La giornata sarà suddivisa in due parti. La mattina sarà riservata alla rassegna dei cortometraggi educativi finalisti e all’assegnazione dei 5 riconoscimenti (per un montepremi pari a €10.000) alla presenza di un pubblico in sala, costituito da 200 alunni tra gli 11 e i 16 anni.

 

Il pomeriggio del 15 Maggio sarà dedicato ad un Tavolo tecnico e di confronto tra Istituzioni e Professionisti dell’Animazione, ma anche di Storytelling, didattica digitale, gamification, realtà aumentata che apportino idee innovative a supporto dell’insegnamento. Ospiti già confermati: Andrea Lucchetta, produttore della serie animata Spike Team; Alessandro Belli, regista specializzato in animazioni educative; Ida Cortoni, docente di Digital Education presso l’Università “La Sapienza” di Roma; Emiliano Onori, professore ed esperto di innovazione didattica/storytelling; Marco Vigellini, educatore di Coder Dojo; Raoul Carbone, Presidente della Fondazione Vigamus e Marco Accordi Rickards, Direttore Fondazione Vigamus.

 

La novità della seconda edizione risiede nella possibilità di iscriversi sia alla sezione A dei cortometraggi educativi animati che alla sezione B, dedicata ai cortometraggi educativi non animati. Sono invitati a partecipare cartoonist, cg artist, video makers, creativi, appassionati di effetti speciali, innovatori e sperimentatori nell’ambito della video animazione, professionisti o dilettanti, che potranno partecipare singolarmente o in gruppo. I video animati potranno essere realizzati con qualunque tecnica: classica, stop motion, computer grafica 2D o 3D, motion capture.

 

L’invito a partecipare è rivolto inoltre alle Scuole, attraverso gruppi di alunni e/o docenti, che potranno concorrere singolarmente o in gruppo.

School in motion, come partecipare

 

 

I cortometraggi di entrambe le sezioni dovranno essere necessariamente doppiati in lingua italiana, trattare contenuti educativi/didattici che si adattino alla proiezione nelle Scuole, essere stati realizzati da non più di 5 anni dalla data di iscrizione dell’opera al Festival e non essere già stati presentati alla precedente edizione di School in Motion. Per consentire la più ampia partecipazione al Contest è ammesso che ogni artista si associ a più di un gruppo, con un massimo di 3 video realizzati per ciascun partecipante e/o gruppo, della durata massima di 30 minuti.

 

 

Il termine ultimo per presentare i lavori online sarà il 26 aprile alle ore 12:00 (Regolamento completo sul sito: www.schoolinmotion.it ).

 

 

Anche l’edizione 2020 di School In Motion sarà patrocinata da MIUR e MiBACT all’interno del bando “Cinema per la Scuola – Buone Pratiche, Rassegne e Festival”.

 

 

Il progetto “Comunicare Cultura”, presentato dall’Associazione non profit EMI, Educazione Multimediale Innovativa, ha ricevuto valutazione positiva. Parole di rinnovata soddisfazione, quindi, per il Presidente Capra:

“Quello di EMI vuole essere un progetto corale, un’Alleanza per l’Istruzione. Il percorso è lungo ed articolato, spesso impervio, ma noi non molliamo! Crediamo fermamente nel plusvalore educativo dei cortometraggi di animazione, come mezzo di ausilio e di integrazione per una didattica innovativa volta al futuro. Proprio per dar forza e coerenza al Festival, in partenariato con UCI – Unione Coltivatori Italiani, il suo Ente di Formazione ANAPIA ed Istituto Cartesio abbiamo progettato il primo Corso di formazione professionale per video animatori dedicato all’ambito educativo, che si avvierà entro l’anno e sarà presto visibile sulla piattaforma per i docenti SOFIA (ente erogatore Istituto Cartesio)”.