Posted on: 2 Giugno 2020 Posted by: Simone Lucidi Comments: 0

LUCD interviews Johnny Fraser

 

The road, the locked doors, the journeys, the pain, let you visit new worlds,  leading you where a piece of past can be replanted in a new place and become stronger.

 

Coldjack life always finds its way

 

This is Coldjack, today they are a reality and they are growing more and more. In 2014 they released their first album “Spit fire Angels”, the song “Believe In Us” was the first single. It was well received by radio stations around the world. After that single, others came out, such as  “She Take Me High” and “Paradise”, “Something Got 2 Give”, along with a song written by Mark King and Mike Lindup of LeveL 42 – called “Free your soul”.

Their latest work is called 7, the album of maturity and sound experimentation … Johnny Fraser is the founder of the band, the mind; Eddie Bulen is the experience and Aaron Spink –  drums – brings that extra bit. They are the core of the group , which attracts many international musicians to each creation.

 

These are Johnny’s statements on Aaron Spink:

“Meeting Aaron Spink on drums has been a real pleasure because he has been there from the start and he believes in this project. His commitment has been amazing and so professional. Without Aaron a lot of this would not have happened, and I hope that we and our good friends, musicians in this band, can get to the next level because they all deserve it”.

Here’s LUCD’s interview to Johnny. He tells us about his life, career, and Coldjack. He is a very kind person and a great artist.

Thanks Johnny

LUCD interviews Johnny Fraser

 

1. Johnny can you tell us about the project Coldjack?

I started the Coldjack project with the singer and song writer Dean Chandler back in London UK in the early 90’s. At that time, I was the bass player and song writer for the band Coldjack, I remember going to Gary Numan’s house to record 2 songs in his studio. After the session ended, he pulled me aside and said I should think about singing more and doing an album. However, at the time I was only interested in playing the bass for the band.

A few years later, I did start to write a few songs, and then I made a decision to go into the studio in London and record a song called “Believe In Us” just as a singer. I was very pleased with the end result, and it was at the moment I thought to myself. I can do this, and felt comfortable with the whole process, But the music industry was a hard nut to crack, and I found myself slowly losing interested after trying to get noticed. Even if you have a great song, it does not mean your be picked up. So after a few more years of trying, I called it a day and shelved my song “Believe In Us” along with other songs that I had wrote.

In 2000 I moved to Canada and left my beloved England behind me to start a new life and to seek out something different, I ended up in a lakeside town called Barrie in Ontario just one-hour north of Toronto, and I’m still here 20 years later and loving every moment of it. So after establishing myself and working hard, I started to miss my music and thought this might be an opportunity to look for some amazing musicians to start up a Coldjack band. I though I could be the front man to play some shows in Toronto and surrounding areas. So after a few years, I managed to get the Coldjack band up and running with enough songs to play some shows. One particular show happened to be a Jazz & Blues festival in Collingwood, Ontario, run by Frank Mcnutly.

He kindly introduced me to Juno-winner and Grammy-Nominated producer Mr Eddie Bullen, who happened to be playing that festival. So after the show, Eddie and I chatted for a bit as you do, and he asked me if I had a song that I could send him. At that moment I thought maybe this could open a door because Eddie also owned a record label called ThunderDome Sounds and had many radio connections. He also had played along with and produced some of the greats. So that’s when I thought let’s send Eddie the song “Believe In Us” that I had shelved for all these years to see if it had any potential to be produced again for release. So I sent it to Eddie and within 2 days he said those magical words. “This is a great song and I would like to sign you on a 3-year deal to do an album and release it for radio.”

Coldjack and Johnny Fraser’s career were born from this odissey.

 

2. Your album 7 has a stunning sound, what about it?

I have loved R.n.B / Soul and funk since the 70’s, so hooking up with Eddie Bullen made the process so easy. We loved the same music and Eddie has worked and produced with so many of the greats in that genre. So our album 7 is a reflection of a styles that I love because it has an old school vibe with a fresh and modern twist.

Also it’s great to bring in live musicians to play their parts on this album because its organic when playing live. It feels real and the fans can hear the parts they love.

And when we play live it sound as good as the album and that is always rewarding for any musician. This album also tells a story about love and pain and what we have to sacrifice in relationships to make things work.

Wait for me: “the right person is out there”

 

3. What inspired “Wait for me”?

It’s a song that tells a story about 2 people that are apart. The love is so strong that being apart is taking its toll emotionally and physically. The song was based on a previous relationship back in the UK. It’s about staying strong and committed to one another and only time heals. When you find the right person that I have in my wife it all becomes clear that the right person is out there who ends up becoming your soul mate.

 

4. Which is the music icon who inspired your music most?

There are so many since the 70’s and 80’s but for me it was Level42 / EWF / Kenny Thomas / Commodores / Luther vandross and so on.

These artists knew how to write songs, and they all had amazing melodies and lyrics you could relate to that held so much feeling. Real music with soul that touched people hearts.

 

 

johnny fraser

 

Johnny Fraser, new projects coming

 

5. Coldjack is a combination of different musical genres, which one represents you most?

Right now its R.n.B and Soul, I feel it when I write and record songs along with playing live and looking at people faces. They can also relate to it and it brings back their memories and that’s important that this music connects people. More and more people are starting to bring back good melodies and write about things that made you want to live and believe in life again.

 

6. Do you have any new project to tell us about?

Right now we, the Coldjack band, are working on a third album with Eddie Bullen and that should be out in late 2020 or early 2021 for radio release.

Also I’m pleased to announce that I’m working on a solo album and that will be released this year for radio and i’ts a real pleasure to have the talents of Coldjack’s Aaron Spink on drums and Brendan Rothwell on bass and 8-time Grammy-nominee Mr Gerald Albright on sax. This album will have a R.n.B / Soul, Dance vibe to it and I’m hoping it will do well in the charts and I’m blessed that so many radio stations are asking for a copy when done, I’m also going to submit the album for the Juno’s and Grammy’s at the end of this year.

One other project I’m working on is The Englishmen and that will just be Aaron Spink, Brendan Rothwell and me a combination of each others works on one album to play live and for radio release.

I would also like to give a shout out to the amazing musicians that have played for Coldjack over the years and to the musicians that have stuck by me that are still playing now. You are all truly amazing people.

 

 


 

 

IT VERSION:

 

La strada, le porte chiuse, i viaggi, i dolori, portano a mondi nuovi da navigare, dove portare quel pezzetto di passato, che ripiantato in un posto nuovo può diventare più forte.

I Coldjack sono questo ed oggi sono una realtà. Crescono sempre più, nel 2014  hanno pubblicato il loro primo album Spit fire Angels, il brano “Believe In Us” era il primo singolo. E’ stato ben accolto dalle stazioni radio di tutto il mondo. Dopo quel singolo, ne sono usciti altri dall’album, come le canzoni “She Take Me High” e “Paradise”, “Something Got 2 Give”, insieme ad un brano scritto da Mark King e Mike Lindup dei LeveL 42 – chiamato “Free Your Soul “. Il loro ultimo lavoro si chiama 7, l’album della maturità e della sperimentazione sonora… Johnny Fraser è la mente, il fondatore; Eddie Bulen l’esperienza ed Aaron Spink – alla batteria – porta quel quid in più. Loro sono alla base del gruppo, che ad ogni creazione attrae però  molti musicisti di livello internazionale.

Queste le dichiarazioni di Johnny su Aaron Spink:

“Avere Aaron Spink alla batteria è stato un vero piacere, è stato lì fin dall’inizio e crede in questo progetto. Il suo impegno è stato sorprendente e molto professionale, senza  Aaron non sarebbe successo molto, e spero che noi e i nostri buoni amici, musicisti di questa band, possiamo passare al livello successivo perché ce lo meritiamo”

Voglio lasciare ora spazio all’intervista che Johnny ha rilasciato a LUCD, in cui racconta di lui, della sua carriera e dei Coldjack.

Grazie Johnny, sei una persona molto disponibile ed un grande artista.

 

LUCD intervista Johnny Fraser

 

 

1. Johnny ci parli del progetto Coldjack?

Ho iniziato il progetto Coldjack con il cantante e cantautore Dean Chandler, a Londra nei primi anni ’90. A quel tempo ero il bassista ed il cantautore della band Coldjack, ricordo di essere andato a casa di Gary Numan per registrare 2 canzoni nel suo studio. Dopo che la sessione finì, mi prese da parte e disse che avrei dovuto pensare di cantare di più e di fare un album. Tuttavia, al momento ero interessato solo a suonare il basso per la band.

Alcuni anni dopo, ho iniziato a scrivere canzoni e poi ho deciso di andare in studio a Londra a registrare – come cantante – “Believe In Us”. Ma l’industria della musica era difficile da conquistare e, dopo aver cercato per un po’di farmi notare, mi sono ritrovato a perdere lentamente interesse. Quindi, dopo qualche altro anno di tentativi, ho archiviato la mia canzone “Believe In Us” insieme ad altre canzoni che avevo scritto.

 

 

johnny fraser

 

 

Nel 2000 mi sono trasferito in Canada e mi sono lasciato la mia amata Inghilterra alle spalle per iniziare una nuova vita e cercare qualcosa di diverso. Sono finito in una città sul lago chiamata Barrie, in Ontario, a solo un’ora a nord di Toronto, e sono ancora qui 20 anni dopo. Così, dopo essermi trasferito ed aver lavorato duramente, ho iniziato a sentire la mancanza della mia musica e ho pensato che potesse essere l’occasione per cercare alcuni musicisti fantastici e creare una band, i Coldjack.

Volevo essere il frontman e volevo suonare a Toronto e nelle aree circostanti. Dopo alcuni anni insieme avevamo abbastanza canzoni per iniziare a fare spettacoli. Uno spettacolo speciale è stato un festival Jazz & Blues a Collingwood, in Ontario, organizzato da Frank Mcnutly. Mi ha gentilmente presentato il vincitore di Juno e produttore nominato ai Grammy, Eddie Bullen, che si è esibito in quel festival. Dopo lo spettacolo, Eddie ed io abbiamo chiacchierato un po’ e mi ha chiesto se avevo una canzone che potevo inviargli. In quel momento ho pensato che forse quella occasione avrebbe potuto aprire una porta perché Eddie possedeva anche un’etichetta discografica chiamata Thunder Dome Sounds e aveva molte agganci con le radio. Fu allora che pensai di mandare a Eddie la canzone “Believe In Us”, che avevo messo da parte per tutti quegli anni, per vedere se c’era possibilità di produrla.

L’ho inviata ad Eddie ed in 2 giorni ho ricevuto delle parole magiche: “E’ una canzone fantastica e vorrei firmarti un contratto di 3 anni per fare un album e passarlo in radio.”

Da questa Odissea nascono i Coldjack e la carriera di Johnny Fraser

 

2. Il tuo album 7 ha un suono straordinario, che ne pensi?

Ho amato l’R.n.B / Soul ed il funk sin dagli anni ’70 e fare amicizia con Eddie Bullen ha reso il processo così semplice. Amavamo la stessa musica ed Eddie ha lavorato e prodotto con così tanti grandi del genere. Quindi il nostro album 7 è un riflesso di uno stile che adoro perché ha un’atmosfera vecchia scuola con un tocco fresco e moderno.

Inoltre è stato fantastico coinvolgere musicisti che hanno suonato dal vivo le loro parti in questo album perché il suono è organico quando si suona dal vivo. Sembra reale e i fan possono ascoltare le parti che amano.

E quando suoniamo dal vivo, i pezzi  suonano bene come nell’album e questo è sempre gratificante per qualsiasi musicista. Questo album racconta una storia d’amore e dolore e parla di ciò che dobbiamo sacrificare nelle relazioni per far funzionare le cose.

 

 

 

 

Wait for me: “la tua anima gemella è lì fuori”

 

3. Cosa ha ispirato “Wait for me”?

È una canzone che racconta una storia di 2 persone che sono separate. L’amore è così forte che l’essere separati sta causando una sofferenza emotiva e fisica. La canzone è basata su una mia relazione precedente, nel Regno Unito. Si tratta di rimanere forti ed impegnati l’uno con l’altro e solo il tempo guarisce le ferite. La tua anima gemella è lì fuori. Quando trovi la persona giusta, come mia moglie, diventa chiaro che era destinata a te.

 

4. Qual è l’icona musicale che ha ispirato maggiormente la tua musica?

Ce ne sono così tanti tra gli anni ’70 ed ’80: Level42 / EWF / Kenny Thomas / Commodores / Luther vandross e così via.

Questi artisti sapevano come scrivere canzoni ed avevano tutte melodie e testi sorprendenti, a cui potevi relazionarti con quel sentimento. Musica vera con un’anima che ha toccato il cuore delle persone.

 

 

Johnny Fraser, nuovi progetti in arrivo

 

 

5. I Coldjack sono una combinazione di diversi generi musicali, quale ti rappresenta di più?

In questo momento sono l’R.n.B ed il Soul. Lo sento quando scrivo e registro canzoni o quando suono dal vivo e guardo i volti delle persone. Ci si riconoscono e la musica riporta alla mente ricordi ed è importante che avvenga questa connessione con le persone. Sempre più gente sta iniziando a scrivere su cose che fanno desiderare di vivere o di credere di nuovo nella vita.

 

6. Hai qualche nuovo progetto di cui parlarci?

In questo momento, noi, la band dei Coldjack, stiamo lavorando ad un terzo album con Eddie Bullen. Questo progetto dovrebbe essere pronto per il debutto in radio alla fine del 2020 o all’inizio del 2021.

Inoltre sono lieto di annunciare che sto lavorando ad un album da solista, che uscirà quest’anno ed è un vero piacere aver collaborato con talenti quali Aaron Spink dei Coldjack alla batteria, Brendan Rothwell al basso e l’ 8 volte candidato ai Grammy Gerald Albright al sax. Questo album avrà un’atmosfera RnB / Soul, Dance e spero che andrà successo nelle classifiche. Sono felice che così tante stazioni radio ne chiedano una copia e quando sarà terminato lo proporrò anche per i Juno ed i Grammy alla fine di quest’anno.

Un altro progetto a cui sto lavorando è The Englishmen. Coinvolgerà solo me, Aaron Spink e Brendan Rothwell e sarà una combinazione dei nostri lavori.

Vorrei  ringraziare gli incredibili musicisti che hanno suonato per i Coldjack nel corso degli anni ed i musicisti che mi sono rimasti accanto e che ancora suonano con me. Siete tutti persone davvero fantastiche.